Ricerca & Sviluppo: controtelai per sistemi scorrevoli a scomparsa

logo-eurocassonetto

La linea di controtelai Eurocassonetto per esterni, oltre a presentare le stesse caratteristiche di quella per interni, possiede delle proprie peculiarità Il lato interno del controtelaio è rivestito da un pannello termoisolante a sua volta rivestito da una rete idonea a garantire la presa della malta cementizia.
La base del controtelaio è in lamiera d’acciaio inox al fine di evitare eventuali corrosioni da parte dell’acqua. Il carrello ha la portata di 120 Kg con cuscinetti a sfera a tenuta stagna.
Tali caratteristiche assicurano silenziosità e scorrevolezza unite a un perfetto isolamento in caso di contatto con l’acqua.

Controtelai per esterni per porte scorrevoli

Scheda tecnica:

Costruito interamente in lamiera di prima scelta di 6/10 e 9/10. I pannelli presentano non le comuni pieghe verticali, ma bensì quelle orizzontali, più idonee a rendere più rigida e robusta l’intera struttura, senza fastidiosi rigonfiamenti alla camera interna del controtelaio. La rete elettrosaldata non è né saldata né aggraffata al pannello, ma spillata con una piccola tolleranza di movimento.
Tale tolleranza (in caso di un naturale assestamento della parete in muratura) consente alla struttura centrale di non subire alcun danno. L’unico elemento a diretto contatto con la malta cementizia è, infatti, la rete elettrosaldata.
La rete, inoltre, è formata da fili longitudinali e trasversali dal diametro di 2 mm. Il foglio di rete non ha fili perimetrali di chiusura: le estremità sono formate da “punte libere” in grado di muoversi e meglio uniformarsi nel punti nevralgici e di contatto con la parete.
Il binario è in estruso di alluminio a “U chiusa” completamente estraibile dalla testata superiore. Pertanto svitando dall’interno le viti a farfalla è possibile effettuare ogni modifica senza rovinare le pareti in muratura.

È risaputo che le porte interne scorrevoli a scomparsa offrono notevoli vantaggi rispetto a quelle tradizionali a battente: tralasciando i vantaggi estetici, è, infatti, inoltre, possibile, attraverso esse, creare molteplici distribuzioni degli ambienti, ottimizzando gli spazi e assicurando una migliore fruibilità dei percorsi all’interno di un edificio.
La linea di controtelai per sistemi scorrevoli per Esterni di Eurocassonetto trasferisce queste proprietà e vantaggi anche agli infissi esterni, risolvendo, inoltre, problematiche non indifferenti quali l’isolamento termico ed acustico necessario per schermare l’edificio dagli agenti esterni.
Le pagine seguenti non vogliono essere un’analisi esaustiva di una tematica nuova e sempre in continuo sviluppo e aggiornamento sulla quale, tra l’altro, gravitano altri aspetti e norme relative alle prestazioni energetiche degli infissi e quindi degli edifici.
Ma vuol essere piuttosto una breve introduzione e un invito a saperne di più su un elemento costruttivo, su un principio abitativo e su un nuovo concetto di abitazione che qui si è voluto osservare da 5 punti di vista:

1.Estetica e praticità

I controtelai per sistemi scorrevoli a scomparsa per esterni Eurocassonetto offrono dei notevoli vantaggi sia ai fini estetici che pratici.
Esteticamente, le persiane e/o grate di sicurezza, infatti, nonostante siano spesso di gradevole design, una volta aperte, interferiscono con l’uniformità dei prospetti degli edifici dandone un aspetto poco armonioso. A ciò va aggiunto il fatto che i tradizionali infissi a battente, se aperti, invadono spazi, restringendo passaggi ed ostacolando la chiusura e l’apertura di tende. Al contrario, con il sistema a scomparsa, l’infisso, una volta aperto, diventa invisibile, scomparendo all’interno della parete, senza compromettere l’uniformità dei prospetti e senza creare fastidiosi ingombri che renderebbero difficoltosa l’apertura e la chiusura dell’infisso stesso.
L’uso di infissi a scomparsa, inoltre, rende ancor più facile la realizzazione di ampie vetrate per garantire una maggiore ricercatezza estetica e una migliore luminosità e funzionalità degli spazi.

2.Adattabilità e versatilità.

Utilizzabile per ogni tipologia di edificio, sia a carattere residenziale che pubblico, sia storico che moderno, collocabile su qualsiasi tipo di parete e facilmente installabile sia in fase di nuova realizzazione che in fase di ristrutturazione, il controtelaio Eurocassonetto per sistemi scorrevoli a scomparsa per esterni fa della versatilità una sua caratteristica essenziale.
Altro punto forza del prodotto è l’adattabilità: la gamma di serramenti a cui è possibile abbinare il controtelaio Eurocassonetto comprende sia porte-finestre che finestre, ad anta unica o doppia. A seconda delle proprie esigenze è possibile utilizzare gli infissi singolarmente (solo alzante scorrevole, o solo persiana scorrevole o solo grata di sicurezza scorrevole), o creare svariate soluzioni combinando i singoli infissi ( alzante + grata di sicurezza, alzante + persiana e persiana + grata di sicurezza).

3.Resistenza e durabilità

La resistenza e la durata nel tempo del controtelaio è garantita dalla qualità dei materiali e dal loro assemblamento:
la lamiera zincata di prima scelta di 6/10 e 9/10 costituente il controtelaio e la lastra di acciaio inox posta alla base sono altamente resistenti alla corrosione;
i pannelli con pieghe orizzontali rendono più rigida e robusta la struttura;
la rete elettrosaldata spillata offre una cospicua tolleranza di movimento;
i carrelli hanno una portata statica di ben 120Kg;
Proprio la resistenza e durabilità del controtelaio sono state testate presso i laboratori dell’Ente Certificatore “Istituto Giordano” attraverso una serie di prove e test sui prodotti:
Rapporto di prova n. 285820 “Determinazione del carico di rottura di carrelli per porte scorrevoli” Detta prova, eseguita per verificare la reale portata statica, ha evidenziato che i carrelli utilizzati nel controtelaio hanno avuto i primi segni di cedimento a seguito di un carico a trazione medio di ben 575 Kg e quindi di gran lunga superiore al carico di 120 kg prescritto dall’azienda.
Rapporto di prova n. 285821 “Resistenza agli urti da corpo molle e corpo duro su parete interna semplice secondo la norma UNI 8201:1981” Detta prova è stata eseguita per valutare la resistenza del prodotto agli urti che accidentalmente possono verificarsi all’interno di un edificio.
La prova, eseguita secondo le prescrizioni della norma UNI 8201:1981, è stata eseguita sottoponendo il campione a una serie di urti da corpo duro di 1 kg (biglia in acciaio) e corpo molle di 50 Kg ( involucro in pelle contenente sfere di vetro); tali urti sono stati effettuati facendo cadere i corpi di impatto, con andamento pendolare e con altezza di caduta di 200mm per il corpo duro e 300mm per il corpo molle. Alla fine della prova, a seguito della verifica del campione si ha avuto il seguente esito: “nessuna lesione”. Rapporto di prova n. 285823 “Prove meccaniche su accessori per porte scorrevoli sospese secondo la norma UNI EN 1527:2000”.
Detta prova è stata eseguita secondo le prescrizioni della norma UNI EN 1527:2000 al fine di valutare la resistenza del prodotto nel tempo e in particolare di quegli elementi accessori come la guida e i carrelli che sono più soggetti ad usura. La prova è composta da una serie di test che hanno evidenziato la durabilità del prodotto nel tempo anche nelle più rigide condizioni di utilizzo: Resistenza statica. Prova in cui le guide sono state zavorrate con un peso di 120 Kg (a simulazione di una porta) per 15 min con esito “deformazione permanente = 0”.
Durata. Prova in cui il complesso guida-carrelli è stato sottoposto con uno sforzo di 60kg (ipotetico peso di un infisso) ad un numero di cicli di apertura chiusura pari a 150.000. La prova che è stata superata senza alcuna presenza di danni ma solamente con “leggeri segni sulle ruote dei carrelli” ha messo in evidenza come il prodotto, nell’ipotetico caso in cui venga sottoposto ad un numero di 14 cicli di apertura-chiusura al giorno, possa superare senza alcun problema una durata trentennale.
Prova di attrito iniziale prima e dopo i 150.000 cicli. Prova in cui si è verificato lo sforzo necessario di messa in movimento dell’infisso prima di effettuare i 150.000 cicli di simulazione apertura-chiusura e dopo in presenza di eventuali sovraccarichi creati dall’usura.
La prova ha messo in evidenza non solo che lo sforzo necessario per la messa in movimento dell’infisso sia solo di 0,8 Kg ma che alla fine dei 150.000 cicli (corrispondenti ed un utilizzo trentennale) lo sforzo necessario rimane invariato, a dimostrazione dell’alta resistenza all’usura del prodotto.

3.Prestazioni termiche.

L’isolamento termico in edilizia ha come fine il contenimento del calore all’interno degli edifici in inverno e la schermatura dal caldo in estate.
Per raggiungere un buon livello di confort abitativo, un adeguato isolamento termico si traduce in un notevole risparmio energetico con conseguente abbattimento dei relativi costi di riscaldamento in inverno e raffrescamento in estate. Per tale motivo in Italia è divenuta obbligatoria col D.L. n.311/2006 la certificazione energetica degli edifici. Tale decreto fissa dei valori di prestazione energetica che i vari elementi costruttivi di un edificio devono raggiungere in relazione alla zona climatica in cui è suddiviso il territorio italiano. Per rispondere a tali esigenze, il controtelaio per esterni Eurocassonetto è dotato di un pannello ad alto potere isolante in polistirene espanso estruso (XPS) , dello spessore di 3 cm, avente conduttività termica λ= 0,037 W/m K e Resistenza termica Rt = 81,08 mq K/W, che viene posto nella parte del controtelaio rivolta verso l’interno dell’edificio, per isolare dai flussi d’aria entranti nel controtelaio e per sfruttarne al pieno le caratteristiche.

4.Prestazioni acustiche.

Comfort abitativo significa anche confort acustico, soprattutto quando quest’ultimo risulta compromesso nelle moderne città dall’inquinamento acustico prodotto dall’ eccessiva esposizione a suoni e rumori di elevata intensità.
L’isolamento acustico in Italia è normato dalla legge n. 447/1995, la quale stabilisce che negli edifici ad uso residenziale, alberghiero ed assimilabili, il potere fonoisolante della facciata deve essere pari ad almeno 40 dB.
Il test effettuati presso il laboratorio tecnologico “LEGNO LEGNO” hanno riguardato un controtelaio per sistemi scorrevoli per esterni Eurocassonetto e ne hanno individuato le prestazioni e le caratteristiche fonoisolanti secondo la norma UNI EN ISO 717-1:2007.
Il risultato della prova (codice prova n. 0062/SI) è stato eccellente in considerazione che il solo controtelaio, con applicato uno strato pari a 2 cm di intonaco in malta cementizia, ha ottenuto un risultato in termini di potere fonoisolante pari a Rw = 45 dB. Un valore maggiore e migliore rispetto a quello richiesto dalla normativa e senza considerare l’apporto dato dalla struttura in muratura (ulteriore e successivo elemento migliorativo in termini fonoisolanti) all’interno della quale viene inserito il controtelaio.

SCOPRI DI PIU’

Controtelai per esterni per porte scorrevoli, controtelai per esterni per porte a scomparsa